Verso la nuova Europa

Verso la nuova Europa

Le Elezioni Europee sono sempre state, almeno vista dall’Italia, un po’ atipiche, con gli elettori che più che guardare ai programmi, si sentono più liberi di esprimersi sui politici; ricordiamo tutti il favoloso 40% di Matteo Renzi di 5 anni fa, svanito poi miseramente nel giro di un anno nel modo che abbiamo visto
Per quel che ci riguarda, diciamo subito che se il 25 maggio ci avessero chiesto di sottoscrivere il risultato poi emerso dalle elezioni europee del giorno dopo, noi avremmo firmato. Evidentemente non era quello che speravamo, ma non è stato neanche quello che temevamo; insomma ci accontentiamo. (altro…)

La democrazia malata

La democrazia malata

Per parlare di una situazione di democrazia malata, vorremmo prendere come esempio il Comune di Zugliano dove recentemente, oltre alle elezioni europee, si sono svolte anche le elezioni amministrative per l’elezione del Sindaco, con un’unica lista.
In piena era di tronfismo salviniano, a Zugliano la Lega e il M5S non sono infatti stati in grado di presentare un loro candidato e una loro lista; lo stesso dicasi per altri 14 Comuni del Vicentino. (altro…)

Documenti, prego

Documenti, prego

Uno strano romanzo questo “Documenti, prego” di Andrea Vitali, per vari motivi, a cominciare dal fatto che sia stato pubblicato dall’editrice Einaudi, invece del solito editore Garzanti.
Poca cosa, si dirà; in realtà la vera stranezza sta nel fatto che “Documenti, prego” è un romanzo poco ‘vitaliano’, cioè ben fuori dalla corrente narrativa cui ci ha abituati il medico di Bellano.
Per dirla in breve, vi troviamo un Andrea Vitali tra l’assurdo di Pirandello e l’incubo di Kafka. (altro…)