Auguri alla nuova Giunta Municipale

ATTUALITÀ

48_giunta_nuova2012
Con un tempismo che non avremmo dato per scontato, il neo-Sindaco di Thiene, uscito da poco dall’ospedale, ha comunicato i nomi dei componenti la nuova Giunta Municipale.
In riferimento alla immagine, cominciando da sinistra abbiamo il vice-Sindaco Alberto Samperi, che si occuperà di bilancio, finanze, tributi, economato, commercio, sicurezza e progetti integrati sovra comunali.
Piero De Longhi è un assessore aggiunto, senza indennità, con funzione propositiva e di collaborazione nello specifico ambito del Turismo, dell’Animazione del Centro Storico e dell’Arredo Urbano.
Alla cultura è stata scelta Maria Gabriella Strinati con delega alla pubblica istruzione, trasporti e mense scolastiche, istituto musicale, biblioteca civica, politiche giovanili, Urban Center, pari opportunità, rapporti con le associazioni culturali.
Il Sindaco Giovanni Casarotto ha riservato per sua competenza gli affari generali, i rapporti istituzionali, le società partecipate, l’avvocatura civica, il polo catastale, la politica del territorio e l’urbanistica.
Gianantonio Michelusi ha la delega per lo sport e tempo libero, e rapporti con le relative associazioni, aeroporto, servizi demografici, URP, innovazione tecnologica e patri-monio.
Maurizio Fanton ha la delega per i servizi alla persona e alla famiglia, i rapporti con le associazioni del volontariato sociale e l’integrazione.
Andrea Zorzan, infine, ha l’incarico dei lavori pubblici e manutenzioni, cimitero, protezione civile, ambiente, edilizia scolastica, edilizia privata, viabilità, lavoro e impresa, contratti, espropriazioni e gare, personale.
Qualche osservazione, in quanto elettori del Sindaco, almeno in funzione di suggerimento, possiamo permetterci farla anche noi di Thienet.
A meno che non sia nascosta dietro la generica sigla URP (ufficio relazioni con il pubblico), che ci sembra poco, manca una dichiarazione di esplicita attenzione per l’informazione e la comunicazioni sociali, che dovrebbero assiduamente e puntualmente accompagnare le scelte e l’operato del Comune, costituendo quindi un punto nodale per il legame con la cittadinanza democratica.
Anche perché, con le difficoltà di bilancio, comincerà il solito piagnisteo dei soldi che dallo Stato non arrivano e che quindi non si possono spendere, magari con ulteriori e non più sopportabili tagli alla cultura; una tiritera che speriamo i nuovi amministratori ci eviteranno.
Crediamo che ognuno di noi cittadini possa trovare nel grande panorama delle attività messe in cantiere, qualche punto su cui potrebbe collaborare, non solo con proposte ma anche con progetti ed attività concreti cui dedicarsi in prima persona o insieme agli altri.
Ecco, nel momento del suo insediamento, alla nuova Giunta Esecutiva, più che gli auguri scontati, ci sentiamo di consigliare una politica culturale volta a coinvolgere nel loro sforzo amministrativo e di valorizzare quello che noi amiamo definire l’immenso patrimonio di disponibilità all’impegno di noi cittadini, ognuno per la sua parte e con le sue competenze.