La scissione furba di Matteo Renzi

Mentre il governo Conte 2 non aveva ancora finito di insediarsi, con la mancanza di tatto che da sempre lo contraddistingue, Matteo Renzi, in profonda crisi di protagonismo, ha lasciato il Partito Democratico, fondando un nuovo soggetto politico che ridicolmente si chiamerà “Italia viva”; fosse stato “Viva l’Italia!” sarebbe stato ancor meglio della berlusconiana calcistica […]

Continua

Tornano le leggi razziali

Nel numero precedente di Thienet, recensendo il libro di Antonio Scurati “M, il figlio del secolo”, abbiamo riscontrato un certo parallelismo, sempre più evidente, tra l’affermarsi della dittatura fascista in Italia e certe situazioni che si stanno verificando da quando Matteo Salvini è diventato premier di fatto, per quanto ufficialmente sia solo vice-premier. Il Decreto […]

Continua

La religiosità furba di Salvini

Passate momentaneamente le elezioni, Matteo Salvini ha riposto tutto il suo apparato di rosari, madonnine e santini, pronto per la prossima occasione elettorale. Resta in noi il brutto ricordo di questa sua cinica ostentazione di simboli religiosi a fini di propaganda elettorale, che è quanto di più avvilente e squallido ci è stato recentemente dato […]

Continua