Illustrissimo Signor Sindaco

CULTURA

Il ciclo di iniziative promosse dall’Amministrazione Comunale di Thiene per commemorare il centenario della Grande Guerra si chiude con una mostra organizzata dalla Biblioteca Civica ed allestita presso la Sala Riunioni di Palazzo Cornaggia, inaugurata il 10 novembre e che resterà aperta fino al 24.
Il titolo della mostra “Illustrissimo Signor Sindaco” si spiega con il fatto che vi sono esposti documenti dell’Archivio Comunale, frutto di un certosina ricerca che ha coperto gli anni che vanno dal 1914 al 1919.
Una mostra da visitare con calma, perché è sostanzialmente più da leggere che da guardare.
Ci sono molti documenti riguardanti la corrispondenza da e verso il Sindaco di Thiene, su questioni che nel loro insieme rappresentano la risposta che la città ha saputo dare alle necessità varie, spesso alle tragiche urgenze, della Grande Guerra.
Una guerra in cui la città di Thiene, per la sua posizione geograficamente strategica, ha svolto un ruolo non indifferente, tanto da essere sede di un Corpo d’Armata.
Oltre alla corrispondenza amministrativa, ci sono anche documenti ufficiali, come le delibere del Consiglio Comunale e della Giunta Municipale, sempre riguardanti lo sforzo di rispondere alle esigenze della guerra, ma anche per coinvolgere la popolazione nello sforzo bellico.
Di particolare interesse abbiamo trovato i non pochi manifesti murali originali, che al tempo rappresentavano l’unico tramite tra l’Amministrazione Comunale e la popolazione thienese, nel tentativo di coinvolgerla nello sforzo bellico, magari con semplici calze e maglie di lana per i soldati al fronte.
Naturalmente non potevano mancare le rare ma preziose foto che forse più di altri media riescono a farci conoscere direttamente una situazione; si tratta per lo più di rare ed efficaci immagini, in genere cartoline, provenienti dalle collezioni private degli Zamboni, Bianchini e Dal Ferro, che ci mostrano in immediato la presenza a Thiene dei soldati, sia italiani che quelli francesi e britannici accorsi in nostro aiuto dopo il disastro di Caporetto.
In una bacheca sono infine raccolti i libri che riguardano la Grande Guerra a Thiene, a partire da “Come si visse a Thiene la Grande Guerra” scritto da don Ermanno Gasparella, fino alle spassose avventure di “Frich Froch” dell’allora parroco mons. Giuseppe Flucco, che servirono non poco ad alleviare, almeno momentaneamente, le paure dei thienesi di allora, tanto da entrare nella loro memoria storica.
La mostra raccoglie quindi un enorme corpus di documenti ufficiali e non, che possono costituire una valida e sicura base storica per chiunque voglia studiare Thiene nella Grande Guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *