La ricchezza

SCAFFALE

192_Ricchezza
Un libro strano ma di cui si raccomanda la lettura questo “La ricchezza” di Marco Montemarano, pubblicato nel 2013 tra i Bloom dalla Neri Pozza Editore.
La vicenda. che inizia del 1975, è quella della famiglia Pedrotti, con la quale viene a contatto, come sostitutivo della sua famiglia,
Giovanni che nel racconto verrà chiamato Hitchcock e che non riuscirà mai a stabilire un legane con il padre incupito per la morte della moglie.
Giovannii diviene il protetto di Fabrizio Pedrotti, un gio-vanotto cresciuto al punto di sentirsi una specie di fantoccio che non riesce a disfarsi del proprio corpo da gigante.
Al liceo, dove regola con la forza i rapporti tra compagni, Fabrizio sceglie di diventare il protettore di Giovanni, che chiama Hitchcock, il quale quindi a scuola non ha più da temere da nessuno.
Giovanni-Hitchcock diventa amico anche di Mario, fratello che è spesso vittima della incontrollata esuberanza di Fabrizio.
A volte Fabrizio sente un premito tra il palato e la radice del naso che riesce a calmare solo sfinendo di morsi il fratello minore.
Hitchcock ha pure una relazione clandestina e un po’ ro-cambolesca con Maddalena, la sorella dei due Pedrotti, alla cui camera, su segnale convenuto, accede attraverso la finestra esterna.
La frequentazione di casa Pedrotti, ben accetta dalla madre si completa con quella del padre, un onorevole spesso assente dalla famiglia, e della cui morte in un incidente Hitchcock si sente in qualche modo colpevole.
Il romanzo segue le alterne vicende dei 4 ragazzi nel corso dei decenni, con chi riesce a trovare una vita normale di maturazione personale e chi, come Fabrizio, campione di rugby, quando non può più primeggiare, non riesce ad integrarsi.
Il romanzo è certamente ben scritto, ed allinea Marco Montemarano fra i promettenti membri della più recente generazione di narratori italiani.
Una generazione che dopo aver consumato tra la violenza e la droga la sua illusione di cambiamento, finisce per in-tegrarsi trovando alcuni temi e valori che sono alla base della letteratura di ogni tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *