Laurea triennale in 14 mesi!

ATTUALITÀ

040_Trota È largamente risaputo che quando si parla della famiglia Bossi, siamo di fronte a pozzi di scienza che in campo sco-lastico è difficile trovarne di uguali.
Secondo Marco Travaglio, papà Umberto Bossi, oltre che essere stato in gioventù iscritto a Pci, voleva assolutamente diventare medico.
Lungi dall’idea, del tutto banale, di mettersi con impegno a frequentare l’università e a studiare, il nostro, senza mai conseguire la laurea in medicina, ha organizzato addirittura per due volte la festa di laurea, e per anni ha fatto credere alla moglie, non quella attuale, quella di prima, di andare quotidianamente in un ambulatorio ad esercitare la professione medica; è stato qui che, ad una sua telefonata, la moglie ha saputo che lì, in quell’ambulatorio, non aveva mai esercitato alcun dott. Bossi.
Con questi precedenti, non sapendo cos’altro fare, l’Umberto si è invaghito di Bravehearth ed è diventato capo della Lega Nord, proponendosi di annettere il nord dell’Italia alla fantomatica inesistente Padania contando su 300 mila doppiette bergamasche e invitando una signora di Venezia a gettare il tricolore nel… (proprio non ci riesce di scriverlo).
Figlio di tale padre è Lorenzo, o Renzo Bossi, che sarebbe stato bocciato per 3 volte alla maturità perché, ha spiegato “Mi piace fare le cose come si deve: sono un perfezionista”.
“Visto? L’università non serve!” ha invece spiegato la saputina leghista Maristella Gelmini, quella del tunnel del Gran Sasso, decisamente il peggior ministro della Pubblica Istruzione che da sempre abbiamo avuto in Italia, quando Renzo Bossi, coi voti di papà, è stato eletto al consiglio regionale della Lombardia, probabilmente mentre Formigoni era in vacanza in qualche spiaggia esotica.
Ora quel rampollo che si autodefinisce “dopo mio padre sono il maggiore sogno erotico delle femmine padane”, a smentire una non esaltante storia scolastica di famiglia, ha brillantemente conseguito nel 2010, per soli circa 4 mila euro, pagati dal conto The Family della Lega Nord, e in soli 14 mesi, la Laurea Triennale (dicesi triennale, cioè normalmente conseguibile dopo 3 anni di studio) attribuitagli dal Rettore dell’Università privata Kristal di Tirana, in Albania, proprio quell’Albania da dove provengono gli odiati immigrati che impestano la Padania, laurea in Gestione Aziendale, naturalmente “Magna cum Laude”.
La polizia albanese sta ora indagando perché se Renzo Bossi è andato, certo non a frequentare ma anche solo a ritirare il diploma di laurea, ci sarebbe andato, lui, il figlio di Bossi, “da clandestino”.
Come vede, on. Maroni, con la sua “scopa padana” sta solo togliendo un po’ di povere alla struttura marcescente di una Lega Nord che puzza dalla testa!