Sulla carta, una gran bella stagione

TEATRO

146_VivianiVarietàA vederla sulla carta si tratta di una gran bella Stagione. Stiamo parlando della 34^ Stagione Teatrale Thienese che comincerà al Teatro Comunale di Thiene il 6 novembre con tre serate nelle quali andrà in scena l’opera “Sei personaggi in cerca d’autore” un classico di Luigi Pirandello diretto dallo scomparso Giulio Bosetti.
Seguirà il 15 novembre “Viviani Varietà”, interpretato da Massimo Ranieri, per la prima volta al Teatro Comunale di Thiene.
A dicembre, da martedì 10, arriva a Thiene “Miseria e Nobiltà”, cavallo di battaglia di tanti attori napoletani ma che a Thiene viene portato nella versione in italiano con Lello Arena e Marianella Bergigli.
Sempre a dicembre, dal 18 al 20 dicembre, viene presentata l’opera di Vitaliano Brancati “Il bell’Antonio”, dove il protagonista non è, per ragioni anagrafiche, Andrea Giordana, che fa invece il padre, ma il figlio Luchino, e con Giancarlo Zanetti.
Il 2014 si apre martedì 14 gennaio con Nancy Brilli che interpreta “La Locandiera” di Carlo Goldoni, cui seguirà nello stesso mese, il 23-24 gennaio, l’operetta fuori programma “Ballo al Savoy”.
Il 4 febbraio si riprende con “L’ispettore generale” di Nikolaj Gogol, una grottesca satira di denuncia della corruzione pubblica.
“Sogno di una notte di mezza sbornia” è il curioso titolo di un’opera di Eduardo De Filippo, presentato a Thiene in prima nazionale con protagonista Luca De Filippo.
Una delle chicche della 34^ Stagione Teatrale Thienese è certamente l’opera di William Shakespeare “Il mercante di
Venezia” con protagonista una colonna portante del teatro italiano, cioè Giorgio Albertazzi, fra l’altro diretto dal giovane regista Giancarlo Marinelli, e che andrà in scena il 4 marzo 2014.
Mercoledì 12 marzo è invece la volta di “Elephant Man”, ancora per la regia di Giancarlo Marinelli, con Ivana Monti, Daniele Liotti, Rosario Coppolino e Debora Caprioglio, che mette coraggiosamente in scena il problema della diversità di un personaggio che, in un mondo affannato alla ricerca della bellezza giovanile, si presenta con la sua mostruosa deformità.
La Stagione thienese si conclude il 25 marzo con l’opera “John Gabriel Borkman” di Henrik Ibsen, con tra i protagonisti Massimo Popolizio e Lucrezia Lante Della Rovere, una commedia che era già in programma lo scorso anno e che si spera questa volta si possa vedere.
Inutile dire che sulla carta è una gran bella Stagione, ma che la sua qualità reale la si vedrà nella realtà del palcoscenico del Comunale che ha il pregio di innalzare i grandi e immiserire i piccoli.
Da parte nostra, fedeli al nostro Teatro Comunale, ci sentiamo ancora una volta di raccomandare la puntualità, per non offendere con insopportabili e ingiustificati ritardi chi per rispetto è puntuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *