Una lunga stagione di celebrazioni

CULTURA

214_Marola
Ormai è già stata aperta una lunga stagione di celebrazioni e di ricorrenze in cui saranno ricordati almeno due serie di fatti storici; da una parte quelli del 1944-45 con le cerimonie per i 70 anni della Resistenza, dall’altra naturalmente il lungo periodo in cui si ricorderà il centenario dell’entrata in Italia nella Grande Guerra e che si concluderà il 4 novembre 2018 con la celebrazione della vittoria.
Dalle nostre parti ci sono già state le ricorrenze di Mortisa e Mare di Lugo, della battaglia di Marola, del rastrellamento di Granezza e in novembre quella dell’eccidio dei Gasparini a Fara Vic.
Per quanto invece riguarda la 1^ Guerra Mondiale, ogni comune ha messo in cantiere una serie di celebrazioni ed iniziative per ricordare quanto è successo dalle nostre parti un secolo fa.
Scartando evidentemente ogni forma di retorica patriottarda, noi siamo convinti che questa massiccia dose di celebrazioni cui saremo sottoposti, possa essere vissuta con l’indifferenza e a volte il fastidio degli anniversari, ma che possa e debba diventare anche per tutti noi un momento di crescita culturale, portandoci ad una migliore e più approfondita conoscenza del passato.
Il nostro consiglio è quindi di utilizzare gli agganci storici che ogni celebrazione riporta, per cercare di immedesimarsi nell’evento, in pratica “rivivendolo” come se anche noi fossimo stati presenti, con tutte le paure e il dolore che i sopravvissuti si sono portati dietro.
Non si tratta quindi solo di “ricostruire” l’evento storico, documentandolo e collocandolo nel periodo e nel luogo dove è avvenuto, coniugando tutti gli elementi di conoscenza che le testimonianze storiche ci hanno tramandato; si tratta piuttosto di “immaginare” l’evento, per immedesimarci in esso, sentendosene partecipi, per vivere anche noi quelle paure, quelle emozioni che hanno vissuto i testimoni ed i protagonisti di allora.
Un esempio basti per tutti.
Noi siamo stati chiamati a celebrare ufficialmente i 70 anni della “Battaglia di Marola” di Chiuppano, avvenuta il 26 agosto 1944; la cerimonia ufficiale dell’Amministrazione Comunale, era stata preceduta da una serata organizzata dallo Spi-Cgil della zona, in collaborazione con l’Anpi di Thiene, in cui è stato ricostruito su base storica lo scontro di una pattuglia di partigiani con un rastrellamento nazi-fascista che ha portato alla morte di due garibaldini, entrambi diciannovenni, Francesco Urbani e Nello Tarquini, i cui cadaveri sono stati oltraggiati e lasciati esposti al sole dalla inumana ferocia dei rastrellatori.
Eppure è proprio sentendo ancora l’orrore per questa ferocia che si potrà capire meglio cosa spingerà un gruppo di resistenti di Centrale a fingersi venditori di angurie per sottrarre i cadaveri dei due giovani partigiani alla retorica fascista, dando loro un “funerale partigiano”, col parroco di Centrale, Don Giuseppe Euginelli, che benedisse le salme avvolte in un telo e sepolte sotto una pergola in aperta campagna.
Un fatto essenzialmente di pietà umana ma che, storicamente, avrà l’esito di saldare tra loro i gruppi di giovani sbandati nascosti sulle Bregonze, spingendoli ad organizzarsi nella formazione partigiana della brigata “Mameli”, che su queste colline scriverà una pagina sofferta ma gloriosa della storia della Resistenza.
Sembra quasi di poter dire che avremo davvero sentito la tragicità di quegli eventi solo se anche noi riusciremo ad improvvisarci venditori di angurie in un mesto funerale partigiano.

1 commento su “Una lunga stagione di celebrazioni

  1. / Village for all-V4A e8 molto origliosa di aver coiternfo il Patrocinio a questa splendida manifestazione, che ha rappresentato una nuova pietra miliare dell’innovazione per portare la cultura dei blog letterari nelle piazze, dove anche coloro che non usano internet possono conoscere, incontrare, discutere le loro idee con chi frequenta internet e le discussioni virtuali!Guarda il video: bit.ly/LwWL9r

Rispondi a Devendra Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *