Van Gogh Monet Degas

ARTE

Credevamo che, in fatto di opere di impressionisti, di mostra in mostra, avessimo visto ormai la maggior parte, se non proprio tutta la vasta produzione artistica; ma abbiamo dovuto ricrederci perché non avevamo considerato le non poche opere che ancora si trovano non viste in collezioni private.
La Mostra “Van Gogh, Monet, Degas” attualmente allestita nel Palazzo Zabarella a Padova presenta una serie di opere impressioniste che appartengono alla “The Mellon Collection of French Art” e attualmente si trovano nel Virginia Museum of Fine Arts.
I coniugi Mellon, ricchi ed intelligenti industriali, nel tempo hanno saputo raccogliere una collezione di impressionisti che possiamo definire completa, non tanto perché raccoglie tutto, ma perché è ben esemplificativa della pittura francese di fine ‘800.
La raccolta, esposta a Palazzo Zabarella a Padova, ha certamente opere di autori di primo piano; oltre i tre del titolo della mostra, possiamo aggiungere, tra gli altri, Braque, Picasso, Cezanne, Renoir, Sisley, insomma i nomi sacri dell’Impressionismo francese.
Ma forse l’aspetto più sorprendente di questa esposizione sono le opere di autori ingiustamente considerati minori, ma che invece forse più degli altri ne danno la misura e il reale valore.
La sorpresa del visitatore sta appunto nel fatto di trovarsi di fronte ad un’opera di un autore poco noto o addirittura sconosciuto, ma che sul piano artistico presenta un interesse ed una novità che va oltre al consueto delle mostre di pittura impressionista; si tratta, come sempre, di spiagge, scorci di paesaggi, persone umili contadini o ritratti di borghesi, in particolare di giovani donne.
Resta comunque meritorio che Palazzo Zabarella ospiti una serie di opere che altrimenti sarebbero restate nel chiuso delle ville private, quando non nei caveau delle banche, comunque fuori della nostra possibilità di gustarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *