Vendare sogni

CULTURA


Un dì o l’altro vui metere un bancheto
in calche cantonselo del marcà,
ghe scrivarò davanti un bel bilieto:
“Qua se vende sogni a volontà”.
Ghe versarò par sora un ombrelon
tuto intressà co i fiuri del giardin
e par tirare mejo l’atension
me vestarò compagna de Arlechin.

E starò lì par tuta na giornata,
vendarò sogni a tanta tanta zente,
li incartarò co carta colorata,
e li farò pagare poco o gnente;
gavarò marcansia par ogni età:
par veci, par zovani e putei
a quei cha passa seri, imusonà
ghe vojo regalare quei pi bei.

E tuti narà via col so scartosso
tegnendolo ben streto fra le man
e contando i se scrolerà da dosso
i pensieri e le rogne del doman.
La vita sensa sogni cossa zela
Na fassina de spini incatejà,
metive na speransa te ‘a scarsela,
vegni a comprar sogni al me marcà.

LEDA CERESARA ROSSI
( DA: L’E’ UN FIOR DE LA TO TERA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *